Crea sito

L’olio d’oliva aumenta il senso di sazietà

1933393383Non è una bufala ma il risultato di una una ricerca condotta dalla Technische Universität di Monaco di Baviera e dall’Università di Vienna. Alla base di tutto sembra proprio esserci l’odore. Sono difatti presenti, in questo prodotto tipico della grande tradizione gastronomica italiana, delle molecole aromatiche, ad esempio l’esenale, che stimolano il senso di sazietà, rallentando l’assorbimento dello zucchero da parte del fegato e ritardando l’abbassamento della glicemia. “L’olio d’oliva ha dimostrato l’effetto di sazietà maggiore – ha spiegato Peter Schieberle, coordinatore dello studio – Il gruppo che ha mangiato lo yogurt con l’olio d’oliva aveva nel sangue la maggiore concentrazione di serotonina, l’ormone della sazietà. Durante il periodo di studio, nessun membro del gruppo ha registrato un aumento della percentuale di grasso corporeo o del peso”. Vediamo allora come si è articolato questo studio. In una prima fase gli esperti hanno chiesto a un gruppo di volontari di inserire nella dieta per tre mesi dello yogurt magro, al quale aggiungere un grasso, a scelta tra strutto, burro, olio di colza e olio d’oliva. Alla fine dell’esperimento, il risultato migliore era stato ottenuto con l’utilizzo dell’olio d’oliva. I volontari che lo avevano utilizzato, sottoposti ad analisi del sangue, erano risultati con un livello alto di serotonina, il neurotrasmettitore del senso di sazietà.

Olio d’oliva alleato contro diabete: risultati dopo 8 settimane

Inoltre coloro che avevano mangiato lo yogurt al naturale ingerivano ogni giorno 176 chilocalorie in più, mentre quelli che avevano mangiato lo yogurt “aromatizzato” non avevano cambiato il proprio carico calorico. “Ci auguriamo – ha commentato Schieberle – che questo lavoro apra la strada allo sviluppo di nuovi prodotti alimentari a ridotto contenuto di grassi, ma ad alto potere saziante”. Già quattro anni fa alcuni scienziati inglesi avevano studiato una “bibita” a base di olio d’oliva (mixata con acqua e un prodotto usato per la panificazione) che avrebbe dovuto tenere lontani dal cibo per circa 12 ore.